- Arterìa-cornici_2018

Vai ai contenuti

Menu principale:


UN PO' DI STORIA ...


La maggior fioritura di botteghe artigiane di legnaioli si ebbero nelle aree venete e toscane fin dal medioevo, che, oltre alla realizzazione di arredi vari, si dedicavano alla costruzione di cornici. Nella metà del XIV secolo, la lavorazione della cornice, nell'ambito di queste botteghe, dove venivano svolti i mestieri più vari con l'impiego del legno, assunse sempre maggiore importanza, al punto da rendere necessaria una separazione tra i legnaioli generici e il ramo specifico dei corniciai.
La prima corporazione di corniciai, chiamati "maragon de soaza", si costituì a Venezia nel 1355, dove l'intaglio e la costruzione della cornice ebbero il massimo dello sviluppo. Ai suoi membri veniva riconosciuto l'esclusivo diritto di produrre e vendere cornici, ma a quanto risulta dalle cronache questo privilegio non fu gradito da tutti; molte volte i "maragon de l'Arsenale", abili legnaioli che si dedicavano alla costruzione delle navi, si avvalevano dei propri artigiani bravi nell'eseguire cornici intagliate per porte e finestre delle imbarcazioni per violare questi diritti. La realizzazione di una cornice era frutto del lavoro di molti specialisti, infatti, fin dal medioevo nelle botteghe questa collaborazione era una consuetudine.
L'esecuzione dei telai e delle molure era compito dei maestri del legname, gli intagliatori eseguivano appunto gli intagli, per ultimi i doratori provvedevano a ricoprire con foglie d'oro la cornice; se questa poi doveva essere impreziosita da pitture, intervenivano i decoratori o "pintor".



sito in costruzione ...

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu